Altre Informazioni
Chi siamo La Confraternita della Misericordia (CDM) nasce nel 1577 con le funzioni di una moderna Conferenza di S. Vincenzo. e dal 1678 il Santuario dell'Annunziata è sotto la sua cura e custodia. Ad oggi conta su 150 iscritti e attraverso la formazione di Gruppi di Volontariato è operativa sul territorio chierese a favore della Comunità.
Dove siamo Vieni a trovarci. Siamo a Chieri in Piazza Trieste n. 1, presso il santuario dell'Annunziata.
Newsletter
Iscriviti alla newsletter. Riceverai periodicamente le notizie sulla Confraternita, le nostre attività e ci conoscerai di più.

 

Il treno dei bambini

Il treno dei bambini

Il treno dei bambini

Avevo ricevuto come regalo di compleanno questo libro in pieno periodo di “rimanete in casa causa Covid “. Già il titolo mi faceva pensare a storie tristi, ma gli occhi del bambino in copertina sembrava dirmi “Leggimi”, come in Alice nel Paese delle Meraviglie.
L’autrice poi era Viola Ardone, quindi come non sostenere le quote rosa e leggerlo.
Ho vissuto così una piccola parte di storia italiana del dopoguerra, di cui non sapevo nulla e conosciuto bambini come Americo, portati dal Sud al Nord, oggi si direbbe in affido temporaneo, per dare loro per qualche mese, cibo, scuola e una famiglia ”benestante”. Quasi una doppia vita: una offerta loro da persone pronte ad accoglierli, un nuovo benessere sconosciuto e nuovi affetti, l’altra la vita di prima, bella o brutta che fosse.
Con Americo, soprattutto all’inizio, si ride, anche se il riso è un po’ amaro, si vive e si soffre con lui mentre cresce e compie le sue scelte.
Mi ha anche fatto riflettere su quanto siamo cambiati rispetto ai valori di solidarietà sociale e di egoismo. Chissà oggi quanti di noi sarebbero disposti ad accogliere per qualche mese un ragazzino sceso da una nave ONG.
Silvana

Autore: Viola Ardone
Editore: Einaudi
Collana: Einaudi – Stile libero big
Anno edizione: 2019

1 Comment
  • Diana Barbieri
    Rispondi

    Grazie per la segnalazione. Ho conosciuto uno di quei bambini e, a intervalli, ne ho seguito, da quasi coetanea, la parabola fino al suo epilogo alcuni anni fa. Leggerò volentieri questo libro in omaggio alla sua memoria e a quella dei mei zii che lo accolsero. Ma non sarei così pessimista sul presente: solo nel mio piccolo mondo ho conosciuto e conosco diverse persone che hanno accolto o stanno accogliendo con generosità, e forse con maggiore consapevolezza, la bambini in fuga provenienti da situazioni di grave disagio. E rendo grazie a Dio. ,

    10 dicembre 2021 at 20:51

Pubblica commento