Altre Informazioni
Chi siamo La Confraternita della Misericordia (CDM) nasce nel 1577 con le funzioni di una moderna Conferenza di S. Vincenzo. e dal 1678 il Santuario dell'Annunziata è sotto la sua cura e custodia. Ad oggi conta su 150 iscritti e attraverso la formazione di Gruppi di Volontariato è operativa sul territorio chierese a favore della Comunità.
Dove siamo Vieni a trovarci. Siamo a Chieri in Piazza Trieste n. 1, presso il santuario dell'Annunziata.
Newsletter
Iscriviti alla newsletter. Riceverai periodicamente le notizie sulla Confraternita, le nostre attività e ci conoscerai di più.

 

La zanzara e il leone

Esopo e la zanzara

La zanzara e il leone

C’era una volta una piccola zanzara che, stanca di giocare solo con le amiche, decise un giorno di sfidare il Re della foresta.
Il grande Re Leone stava schiacciando il suo tranquillo pisolino lungo la riva del fiume, quando la zanzara lo salutò rispettosamente.
“Buongiorno mio Re – disse la zanzara – vorrei lanciarti una sfida”.
Per poco il Re Leone non scoppiò a ridere.
“Scusa, forse non ho capito bene. Una sfida a me, che sono il re della foresta?”
“Sicuro – rispose la zanzara – tu credi di essere il più forte degli animali, ma io dico che, se facessimo un duello, riuscirei a sconfiggerti!”
Intanto nella foresta cominciavano a riunirsi tutti gli animali, per vedere come andava a finire.
Re Leone non poteva certo tirarsi indietro. Inoltre la zanzara era così piccola e lui così grande, che non poteva di sicuro perdere. Praticamente aveva già vinto.
Così accettò la sfida.
La zanzara si posò subito sul suo grosso naso e iniziò a pungerlo.
Il leone, tentando di scacciarla, si graffiava sempre di più il muso con gli artigli delle sue grosse zampe. Niente da fare. La zanzara sembrava incollata al naso. Il Re si dichiarò sconfitto e la zanzara venne acclamata vincitrice dagli animali della foresta.
Volava tutta felice per dirlo alle sue amiche, quando rimase impigliata nella ragnatela di un ragno.
Piangeva tanto forte che il Re Leone la sentì e con la sua grossa zampa la liberò.
“Sei salva, mia cara amica. Ma ricordati che esiste sempre qualcuno più forte di te. E questo me lo hai insegnato proprio tu! Occorre sempre valutare i propri limiti.”

Libera trascrizione della favola di Esopo.

2 Commenti
  • Pier e Mary
    Rispondi

    Siete fantastici spero che veniate seguiti da molti grazie Pier e Mary

    29 ottobre 2021 at 21:42

Pubblica commento