Altre Informazioni
Chi siamo La Confraternita della Misericordia (CDM) nasce nel 1577 con le funzioni di una moderna Conferenza di S. Vincenzo. e dal 1678 il Santuario dell'Annunziata è sotto la sua cura e custodia. Ad oggi conta su 150 iscritti e attraverso la formazione di Gruppi di Volontariato è operativa sul territorio chierese a favore della Comunità.
Dove siamo Vieni a trovarci. Siamo a Chieri in Piazza Trieste n. 1, presso il santuario dell'Annunziata.
Newsletter
Iscriviti alla newsletter. Riceverai periodicamente le notizie sulla Confraternita, le nostre attività e ci conoscerai di più.

 

L’offerta della domenica

offerte al santuario

L’offerta della domenica

I nostri cestini azzurri delle offerte si sono trasformati in un vaso di vetro all’ingresso: ma sapete perché le offerte si raccolgono nelle Messe?  Che senso ha?

Fin dagli inizi del Cristianesimo, chi andava a Messa (allora si diceva andare alla riunione, all’assemblea), soprattutto chi partecipava all’Eucaristia e faceva la Comunione, portava qualcosa: pane, vino e altri beni in natura “per la chiesa”, cioè per tutta la comunità cristiana.

Queste offerte servivano anzitutto per l’Eucaristia: il pane e il vino, necessari per la comunione di tutti, erano portati dai fedeli. Le offerte raccolte venivano poi distribuite alle famiglie e alle persone più bisognose della comunità e ai sacerdoti che, dedicandosi a tempo pieno all’attività pastorale, lasciavano ogni altro lavoro.

Oggi le offerte sono in denaro, le ostie e il vino per la Messa sono preparati appositamente dalle suore. Noi, nella nostra comunità, cerchiamo di tornare un poco alle origini, vivendo la carità, almeno in parte, con il Carrello del Santuario, e stando vicini tutti al nostro Santuario, che ci accoglie ogni domenica.

2 Commenti
  • Giovanna Gottero
    Rispondi

    Ho sempre apprezzato il modo di vivere la comunità nel Santuario, sia nella parola, che nel condividere il pane con i fratelli. Grazie Don Gianni e tutti i collaboratori che con discrezione lavorano nell’ombra

    19 giugno 2020 at 17:26
  • Diana
    Rispondi

    Grazie per questa piccola storia illuminante. Sarebbe forse utile, per chi decidesse, per scelta o necessità, di astenersi dal frequentare fisicamente la comunità per qualche tempo, l’indicazione di un canale per contribuire a questo aspetto della sua vita.

    20 giugno 2020 at 8:02

Pubblica commento